Di agnelli e pistacchi

Scribacchiato da Gu 2015-04-07T17:18:46+00:00

Oggi voglio parlarvi una ricetta semplice, veloce e colorata che avrà sicuramente successo con i vostri amici (da leggere con la voce di Benedetta Parodi).

Avvertenza: se vi ha turbato la puntata dei Simpson in cui Lisa diventa vegetariana ed è tormentata dal rimpianto per aver mangiato un agnellino, questa ricetta non fa per voi, via da qui!

Perché mi fai queeeeeesto, Lisa Simpson?

Perché mi fai queeeeeesto, Lisa?

Dopo aver comprato l'agnello di rito da cucinare a Pasqua (perché Pasqua è solo agnello, uova dai regali orrendi e, se siete americanofili, coniglietti), Giù mi ha confessato di non essere particolarmente fan della suddetta bestiola (più precisamente ha detto: "Mi fa schifo ma mi dispiaceva dirtelo"). Ho quindi cercato un modo per cucinare le costolette che ne mascherasse un po' il tipico sapore e le rendesse croccanti, fresche e gustose.

Premessa: questa ricetta fa uso di aglio come ogni mia ricetta da quando ho comprato un utensile da cucina ben più indispensabile delle forchette o delle cucchiare di legno: il pela-aglio. Accattatevillo!

Ormai senza il pela-aglio non faccio neanche più un tè

Ormai senza non faccio neanche più un tè

INGREDIENTI

Per otto costolette di agnello vi serviranno:

  • Otto costolette di agnello (voglio vedere lo stupore sui vostri visi)
  • Pistacchi 50g
  • Uno spicchio d'aglio (da pulire rigorosamente con il pela-aglio!)
  • Prezzemolo 2 ciuffi - Sale qb- Pepe qb - Pan grattato 2 cucchiai
  • Pecorino grattugiato 30g
  • Burro una noce
  • 3 albumi d'uovo

RICETTA

- Prendete tutti gli ingredienti sopra indicati tranne le costolette, il burro e gli albumi e macinateli in un minipimer. Cercate di non sminuzzarli troppo in modo da create una "granella" corposa (pensate al Magnum al pistacchio!). Disponete la panatura ottenuta in un piatto piano.

Pecorino, aglio, pistacchi e prezzemolo!


- A questo punto potete iniziare a intingere le costolette nell'albume e passarle quindi nella panatura. La cottura della carne richiede pochissimi minuti ed ottima calda, quindi potete tranquillamente preparare in questo modo le costolette e conservarle in frigorifero fino al momento di passarle in padella e servirle.


Costolette d'agnello


- Mantecate una noce di burro in una padella antiaderente. Quando il burro inizia a imbrunire, passatevi le costolette cuocendole due o tre minuti per lato. Se la carne non vi piace al sangue ma ben cotta (come a Giù, io la mangerei cruda), cuocetele cinque minuti per lato.

Le costolette sono pronte per essere mangiate!

PS. come contorno, ci stanno bene gli asparagi gratinati al brie, basta schiaffarli in una pirofila imburrata (ma voi lo sapete che vanno pelate le estremità più carnose? Io l'ho scoperto recentemente, non ho mai notato dei problemi con le estremità dell'asparago, ma non credo che riuscirò più a mangiarli senza pelarli, adesso che lo so, fatemi stare tranquilla e pelateli pure voi) sistemate fettine di brie, ricoprite con pangrattato e fiocchetti di burro, passate in forno fino a che si forma una crosticina bruna.

Asparagi gratinati con formaggio